Sezione salto di blocchi

Ultimo aggiornamento: 18-07-2021

Archivio Notizie

 14-giu-22

Dichiarazione dello stato di grave pericolositÓ per gli incendi per aree boscate, cespugliate, arborate e a pascolo nel territorio comunale dal 15 giugno al 15 settembre 2022

Dichiarazione dello stato di grave pericolositÓ per gli incendi per aree boscate, cespugliate, arborate e a pascolo nel territorio comunale dal 15 giugno al 15 settembre 2022

DICHIARAZIONE DELLO STATO DI GRAVE PERICOLOSITÀ PER GLI INCENDI PER AREE BOSCATE, CESPUGLIATE, ARBORATE E A PASCOLO NEL  TERRITORIO COMUNALE DAL 15 GIUGNO AL 15 SETTEMBRE 2022, FATTA SALVA LA POSSIBILITÀ IN CASO DI NECESSITA' DI ANTICIPARE O  POSTICIPARE LO STATO DI ALLERTAMENTO DELLE STRUTTURE OPERATIVE

A seguito del Decreto del Presidente della Regione Puglia (n. 177 del 04.05.2022) che dichiara lo stato di grave pericolosità per gli incendi nelle aree boscate, a pascolo o con presenza di alberi e cespugli, nel periodo 15 giugno - settembre 2022, la Commissione straordinaria ordina (n. 86 del 8 giugno 2022) Il rispetto di tutte le norme riportate nella L. R. n. 38/2016 “Norme in materia di contrasto agli incendi boschivi e di interfaccia” e nel Decreto del Presidente della Giunta Regionale n. 177 del 04 maggio 2022, confermando il periodo di grave pericolosità per gli incendi dal 15 giugno al 15 settembre 2022, relativamente a tutte le aree boscate, cespugliate o arborate – coltivate e incolte - e a pascolo, fatta salva la possibilità, in caso di necessità contingenti di posticipare al 30 settembre p.v. il protrarsi dello stato di grave pericolosità per gli incendi e lo stato di allertamento delle strutture operative

  • Ai proprietari e conduttori a qualsiasi titolo dei campi a coltura cerealicola e foraggera a conclusione delle operazioni di mietitrebbiatura e sfalcio, entro il 15 giugno 2022 e per tutto il periodo di vigenza dello stato di grave pericolosità, di realizzare contestualmente, perimetralmente e all’interno della superficie coltivata una precesa o fascia protettiva sgombra da ogni residuo di vegetazione, per una larghezza continua e costante, idonea ad assicurare che il fuoco non si propaghi alle aree circostanti e/o confinanti
  • Ai proprietari, affittuari e conduttori, a qualsiasi titolo, di terreni incolti in stato di abbandono e/o a riposo e di colture arboree di realizzare, entro il 15 giugno 2022 e per tutto il periodo di vigenza dello
    stato di grave pericolosità, fasce protettive e precese di larghezza non inferiore a 15 metri lungo tutto il perimetro del proprio fondo, prive di residui di vegetazione, in modo da evitare che un eventuale
    incendio, attraversando il fondo, possa propagarsi alle aree circostanti e/o confinanti
  • Ai proprietari e conduttori e/o gestori a qualsiasi titolo di fondi rustici, terreni e aree di qualsiasi natura e loro pertinenze, incolti e/o abbandonati, adiacenti alla sede ferroviaria e ricadenti nel territorio
    comunale, di eseguire entro il 15 giugno, le necessarie verifiche e l’eliminazione dei fattori di pericolo come disposto dal combinato degli artt. 52, 55 e 56 del D.P.R. 753 del 11/07/1980 e della
    L.R. 12/12/2016 n. 38, ciascuno per la particella di propria competenza
  • Ai proprietari e conduttori a qualsiasi titolo di terreni, giardini, aree di qualsiasi natura e loro pertinenze, incolte e/o abbandonate, di procedere agli interventi di pulizia, provvedendo alla rasatura
    dell’erba e/o sterpaglia, residui di vegetazione ed ogni altro materiale infiammabile, con particolare attenzione ai cigli stradali e alle banchine prospicienti i predetti siti, al fine di evitare incendi, rimuovendo
    il materiale proveniente dalle operazioni di sfalcio e curando il trasporto ed il conferimento in discariche autorizzate
  • I proprietari, gli affittuari e i conduttori, a qualsiasi titolo, di superfici pascolive, hanno l'obbligo di realizzare, entro il 31 maggio, una fascia di protezione perimetrale priva di vegetazione di almeno 5 metri, e comunque, tale da assicurare che il fuoco non si propaghi alle aree circostanti e/o confinanti
  • Ai proprietari di fondi confinanti con la strada di mantenere le siepi in modo da non restringere (o danneggiare) la strada e di tagliare i rami delle piante, arbusti e rovi, che si protendono oltre il confine
    stradale, nascondendo la presenza di eventuale segnaletica
  • AI proprietari, i gestori e i conduttori di campeggi, villaggi turistici, centri residenziali, alberghi e strutture ricettive nonché di strutture antropiche insistenti su aree rurali esposte al contatto con possibili
    fronti di fuoco di realizzare entro il 15 giugno 2022 e per tutto il periodo di vigenza dello stato di grave pericolosità, una fascia di protezione della larghezza di almeno 15 metri, sgombra di erba secca,
    arbusti, residui di vegetazione e di ogni altro tipo di materiale facilmente infiammabile, lungo il perimetro del proprio insediamento compatibilmente agli spazi fisici disponibili in funzione della proprietà catastale. Sono fatte salve le distanze di protezione previste dal decreto del Ministero dell'interno 28 febbraio 2014 (Regola tecnica di prevenzione incendi per la progettazione, la costruzione e l'esercizio delle strutture turistico-ricettive in area aperta (campeggi, villaggi turistici, ecc.) con capacità ricettiva superiore a 400 persone) ovvero da altra normativa di prevenzione incendi emanata dal Ministero dell'interno
  • Ai proprietari, i gestori e i conduttori di attività commerciali ad alto rischio esplosivo e/o di infiammabilità presenti sul territorio comunale di rispettare i limiti di sicurezza e il compimento delle operazioni di cui al punto 7
  • Si fa divieto a chiunque, in tutte le aree a rischio di incendio boschivo, di:
    a. accendere fuochi d’ogni genere;
    b. far brillare mine o usare esplosivi;
    c. usare apparecchi a fiamma o elettrici per tagliare metalli;
    d. usare motori, fornelli o inceneritori che provocano faville o brace;
    e. tenere in esercizio fornaci, forni a legna, discariche pubbliche e private e/o incontrollate;
    f. fumare, gettare fiammiferi, sigari o sigarette accese e compiere ogni altra operazione che possa creare comunque pericolo immediato o mediato di incendio;
    g. esercitare attività pirotecnica, accendere fuochi d’artificio, lanciare razzi di qualsiasi tipo o mongolfiere e lanterne volanti nonché altri articoli pirotecnici;
    h. transitare e/o sostare con autoveicoli, su viabilità non asfaltate, all’interno di aree boscate;
    i. transitare con mezzi motorizzati fuori dalle strade statali, strade provinciali, strade comunali, private e vicinali gravate dai servizi di pubblico passaggio, fatta eccezione per i mezzi di servizio e per le
    attività agro-silvo-pastorali nel rispetto delle norme e dei regolamenti vigenti;
    l. abbandonare rifiuti nei boschi e in discariche abusive

I proprietari, conduttori e/o gestori a qualsiasi titolo di fondi rustici, terreni e aree di qualsiasi natura e loro pertinenze dell’intero territorio comunale sono invitati a bonificare costantemente i cigli stradali o le banchine prospicienti i predetti siti mediante rasatura o estirpazione delle erbe e/ sterpaglie, nonché a tagliare i rovi e le siepi, che si protendono oltre il confine stradale e che occultano la segnaletica o ne compromettono la leggibilità dalla distanza e dall’angolazione necessaria.

Chiunque, in caso di avvistamento incendio che interessi o minacci aree boscate, cespugliate, arborate e a pascolo comprese eventuali strutture e infrastrutture antropizzate poste all’interno delle predette aree, è tenuto a darne immediata comunicazione alle competenti autorità (Corpo Forestale dello Stato del Comando stazione Carabinieri di Ostuni tel. 1515, Vigili del fuoco tel. 115, Locale Comando di polizia municipale tel. 0831/331994 ) riferendo ogni utile elemento territoriale per la corretta localizzazione dell’evento.

In allegato l'ordinanza

Files allegati
Autore La commissione straordinaria